Addio ad Orlando Biagi

Pubblicato il 07/11/2019



Ci ha lasciato nelle scorse ore l'ex BiancoCeleste Orlando Biagi, Termale DOC, ma soprattutto ex calciatore e dirigente del nostro Club.
Il club desidera esprimere il più profondo cordoglio e vicinanza alla Famiglia Biagi, alla Signora ed ai figli Beppe e Grazia.

Nato 84 anni fa nella nostra città, dopo alcuni anni nel nostro Club si fece notare dai dirigenti Viola che lo portarono alla Fiorentina all'età di soli 19 anni. Difensore dotato di tecnica e fisico, non disputò molte partite con i Viola, in quanto "chiuso" da due colonne della formazione gigliata di allora quali il capitano Francesco Rosetta e Alberto Orzan. Tre stagioni in Viola (con una parentesi, in prestito, al Lecco nel 1956-57). Seguì un’altra stagione in prestito al Piacenza nel 1958-59 per poi continuare nel Viareggio e poi tornare come tecnico prima e dirigente poi nella Sua Montecatini.

Dirigente di successo perché assieme alla Famiglia Pancioli fu tra gli artefici di anni importanti in Serie D e dell'approdo storico del Montecatini tra i Professionisti in Serie C2 al termine della stagione 1977-78.

Il suo esordio in maglia viola è datato 19 giugno 1955 a Trieste, in occasione di Triestina-Fiorentina 1-1. Nell’anno dello scudetto Biagi non venne impiegato in campionato da mister Fulvio Bernardini, ma disputò molte amichevoli. Scese in campo, anche in occasione dell’amichevole precampionato vinta a Firenze contro l’Hajduk di Spalato il 4 settembre 1955, in cui subentrò al capitano Rosetta.
Biagi fu grande protagonista della Fiorentina in Coppa Grasshoppers, manifestazione che poi si aggiudicò la squadra viola nel maggio 1957. Il giovane difensore termale venne impiegato da titolare in due gare importanti contro l’Austria Vienna e la Dinamo Zagabria fra maggio e giugno 1955, risultando essenziale per il successo finale in entrambi gli incontri. Grazie a quelle due vittorie la Fiorentina pose una grande ipoteca sul successo finale. Particolarmente importante fu il successo ottenuto il 28 maggio 1955 a Firenze contro i “viola” dell’Austria Vienna, in cui proprio Biagi realizzò dal dischetto, a pochi minuti dal termine, il gol decisivo per il successo della Viola.
Un altro angelo biancoceleste assisterà gli aironi da lassù.